Rinascimento Poetico al Lettere Caffè

di Isabella Esposito

da sinistra: Jonathan Rizzo, Isabella Esposito

Poesia al Lettere Caffè. Chi si fosse trovato a passeggiare in Trastevere venerdì 21 maggio certamente avrebbe notato quell’ape car colorato all’angolo della strada, mentre suonavano le campane della chiesa di San Francesco a Ripa e una café racer sfrecciava via. Allestendo il veicolo come un palcoscenico, al Lettere Caffè iniziava una serata all’insegna della poesia.  

A conduzione dell’evento il poeta Jonathan Rizzo, autore de “Le scarpe del flâneur ”, in chiusura il maestro Fernando Fidanza con la sua chitarra, presente anche Elisabetta Pamela Petrolati con la sua raccolta “Lo stato del mai”.  
Sette poetesse romane, tra cui la sottoscritta, si sono alternate nella lettura dei propri versi, mentre i passanti, rapiti, si fermavano ad ascoltare.  
Sotto il cielo vespertino di Roma, tra le luci e il brusio dei locali, la poesia accendeva gli animi. 

da sinistra: Isabella Esposito, Jonathan Rizzo, Elisabetta Pamela Petrolati

Rinascimento Poetico dà così inizio ad una serie di eventi dal vivo che si terranno durante l’estate, in quanto la rete rappresenta soltanto un punto d’incontro per i poeti, e il movimento è a contatto con le realtà territoriali di ogni regione d’Italia.  
La poesia è viva e presente nella quotidianità, è nel tramonto che muore all’ombra dei palazzi, tra i battelli sul Tevere, mentre in lontananza un sassofonista suona il suo blues solitario.  

“ Ma il vecchio pescatore dorme ignaro 
di tutto l’amore 
in girotondo che lo circonda. 

[…]

Abbandonato a un legno marcio, 
legato a un filo di nylon, 
preda dei venti 
e del loro Dio, Signore della brezza. 

L’ultimo amo, un briciolo di poesia nel tramonto.” 

Scrive Jonathan Rizzo, ne “Il sogno del pescatore”, poesia tratta dalla sua raccolta “Le scarpe del flâneur”.  
Ridestare gli animi, riscuoterli dalla routine, questo è il compito del poeta.  
Non siamo un canto di sirene, siamo pronti a salpare negli oceani sconfinati della bellezza. 

Lascia un commento