Autostima: il primo effetto della poesia

autostima

Autostima. Passiamo la vita a cercare il nostro nome. E a dargli valore. Facciamo di tutto per riuscire a credere che siamo qualcuno, che valiamo qualcosa, almeno abbastanza da essere amati. E allora ci buttiamo in letture di Osho, corsi di crescita personale, PNL, rebirthing, yoga della risata. Costruiamo proiezioni di noi, ombre lunghe che ci facciano illudere di essere più alti di quanto siamo. E alziamo muri per difenderci da tutto ciò che vuole sbattere a terra l’immagine che ci siamo costruiti sulle nuvole.

La battaglia per l’autostima è molto dura. Anche per questo ho deciso di fondare Verba manent.

La buona notizia è che il più grande alleato in questa guerra è al nostro fianco. Anzi, è proprio dentro di noi. La parola. La parola è ciò che crea e disfa immagini, credenze, convinzioni. La parola è l’afflato creatore, il pennello che dipinge i quadri del nostro mondo.

Chi si occupa di poesia conosce la potenza della parola. E prima o poi scopre il valore anche terapeutico dell’attività poetica. Navigare fra i versi di Omero o di Dante, di Shakespeare o di Borges significa trovarsi in un mare pescoso: basta la rete dell’intelletto per pescare tesori inestimabili.

I grandi poeti sono stati illuminati che prima di noi hanno percorso le vie della conoscenza di sé. In quelle parole, sintetizzate attraverso gli alambicchi delle loro esperienze, c’è la strada per raggiungere quella dimensione di mistero in cui solo può albergare la vera autostima. E chiunque voglia può attingere a questo profondo pozzo dove giace nascosta la risposta che cerchiamo per tutta la vita.

Ma chi sceglie la poesia prima o poi finisce per scriverla. Siamo tutti poeti. Pochissimi diventeranno noti al grande pubblico, ma i versi che ci escono dalle dita sono già un enorme regalo che facciamo a noi stessi. Quelle parole che ci fluiscono fuori sono come chiodi che piantiamo nella roccia del monte che stiamo scalando.

Scrivere poesie è l’atto di conoscenza di sé più alto che una persona possa fare.

Ecco perché Rinascimento poetico si occuperà di divulgazione poetica e anche di formazione legata alla poesia. Perché tutti meritiamo un po’ di autostima in più.

Nel frattempo, dal 4 al 6 giugno ad Alassio terremo il primo incontro di Verba manent

Paolo Gambi

Comincia la discussione

Lascia un commento